Mondo del credito, anno 2010: soffiano venti di cambiamento

Novità in materia di intermediazione finanziaria e mediazione creditizia, alla luce dei casi di frode creditizia che secondo i dati CRIF del primo semestre di quest'anno sono in pericoloso aumento.

 Sabato 4 dicembre si è svolto,  presso la sala convegni  di Finanziaria M3 spa via Possidonea 42,  Reggio Calabria,  un momento di riflessione sulle novità nel settore del credito, organizzato dalla Federazione nazionale delle società finanziarie e dall'Associazione italiana mediatori dei crediti e agenti in attività finanziaria,   attraverso il convegno intitolato "La riforma della mediazione creditizia e dell'intermediazione finanziaria". Grande partecipazione  di mediatori creditizia, agenti in attività finanziaria, giovani e meno giovani professionisti del settore; di un settore che dopo una staticità durata una generazione, sta cambiando ad altissima velocità.

“ Più professionalità e più moralità in un settore delicato come  quello dell'erogazione del credito: ecco l'imperativo categorico con cui si chiude l'anno 2010”: questa l'affermazione con cui il presidente della Federazione nazionale delle società finanziarie, l'avvocato Santo  Martorano apre i lavori del convegno; questa l'ottica in cui rilegge la nuova normativa di settore, contenuta nel D.lgs 141 del 2010, emanato in attuazione della direttiva europea 2008/48/ CE. In vigore per alcuni aspetti già dal 19 settembre 2010, il decreto rivoluziona il settore della mediazione creditizia e dell'intermediazione finanziaria, anche se determinate disposizioni saranno attuate solo a giugno 2011.

“Nel corso degli anni” ha proseguito Martorano “è stato lasciato spazio all'esercizio della professione della mediazione creditizia, prevedendo requisiti minimi per l'iscrizione all'albo ( praticamente solo il diploma di scuola secondaria superiore e la sussistenza dei requisiti di onorabilità). Rafforzare i controlli è indispensabile, anche se sarebbe opportuno prevedere una disciplina transitoria più dettagliata per ridurre il tempo di attesa al fine di arrivare alla formazione e costituzione di un organismo di autoregolamentazione.”

L'organismo di autoregolamentazione mira alla  tutela sia della categoria dei mediatori che delle persone che hanno un livello di alfabetizzazione finanziaria molto basso; queste ultime invece,  in un'ottica di “educazione finanziaria” devono essere consapevoli di ciò che firmano in modo tale che accedere al credito sia sempre un'opportunità di crescita e mai un pericolo di sovraindebitamento, oggi purtroppo più che mia attuale.

Contatta Fenafi

Sede nazionale:

via Goito 46 - 00185 Roma

Tel. 06.44.70.40.26

Fax 06.49.38.35.22

Mobile 338.156.78.89

E-mail: info@fenafi.it

fenafi.roma@libero.it

 

Login Form