Mission

Un nuovo esame per gli Agenti in attività finanziaria

Cinquanta domande: sono quelle del test che dovranno superare gli aspiranti agenti in attività finanziaria per conseguire un titolo che prima si conseguiva con una semplice istanza ed il possesso del diploma di scuola secondaria superiore.  Questa la novità principale emersa nel corso  della riunione dell'Organismo per la tenuta degli albi dei mediatori creditizi e degli agenti in attività finanziaria svoltasi  a Roma, giovedì  26 gennaio. Costituito sotto la vigilanza della Banca d'Italia l'Organismo avrà il compito di attuare le nuove regole in materia di accesso ai nuovi elenchi.
Si prevede la prima sessione di esami già nel 2012: e ancora, aggiornamento continuo e dettagliate normative transitorie per chi è già iscritto nei vecchi elenchi.   In particolare il diploma di scuola secondaria superiore, già richiesto dalla precedente normativa, dovrà essere quinquennale, con l'obbligo di una formazione integrativa per chi era stato iscritto in precedenza all'albo dei mediatori o degli agenti in attività finanziaria in base al diploma quadriennale dell'istituto magistrale o del liceo artistico.                                Non si fanno più sconti ed è condivisa la linea, all'interno dell'organismo, secondo cui l'innalzamento del livello della professione passa principalmente da  una maggiore qualificazione da richiedersi all'atto dell'accesso: è sintomatico di questa necessità il fatto che l'aspetto della riforma relativo ai requisiti culturali e dei titoli di studio di accesso è stato affrontato dall'Organismo prima della verifica dei capitali minimi per le imprese che intendono svolgere attività nel settore. L' Organismo,  presieduto da Maurizio Manetti, ha tra i suoi membri Andrea Ciani, Michele Faldella, Vittorio Francoli, Ranieri Razzante.   Sono soci fondatori la Federazione nazionale delle società finanziarie, in sigla   Fenafi, presieduta da Santo Alfonso Martorano, l'Abi, presieduta da Giuseppe Mussari, l'Assofin da Valentino Ghelli, l'Assilea da Maurizio Lazzaroni, l'Assifact da Antonio De Martini, l'Ufi da Massimo Marchesi, la Fiaip da Paolo Righi, l'Assomea guidata da Eustacchio Allegretti, la Fimec da Maurizio Del Vecchio, l'Assoprofessional da Dario Faccendini, l'Afin, che ha al vertice Paolo Livi.  L'analisi dei fabbisogni formativi e la promozione di  iniziative in materia di formazione continua, formazione e riqualificazione professionale costituiscono le premesse per riavviare le iscrizioni agli albi dei mediatori creditizi e degli agenti in attività finanziaria, sospese dal 30 giugno 2011.

Contatta Fenafi

Sede nazionale:

via Goito 46 - 00185 Roma

Tel. 06.44.70.40.26

Fax 06.49.38.35.22

Mobile 338.156.78.89

E-mail: info@fenafi.it

fenafi.roma@libero.it

 

Login Form